Notizie 261 risultati
Articolo

Il sogno di don Peppe Diana

Oltre 6.000 scout dell’AGESCI per le strade di Casal di Principe in memoria di Don Peppe Diana.
Articolo

Messaggio della Capo Guida e del Capo Scout d’Italia

Care a cari coccinelle e lupetti, guide e esploratori, scolte e rover, capo e capi, è trascorso più di un secolo.
Articolo

#profetinelloscautismo

È la storia di “uno scout diventato prete” come egli stesso amava definirsi, nato a Milano l’11 febbraio 1922.
Articolo

Buona Strada Assistenti!

L'AGESCI con gioia annuncia le nomine da parte della Conferenza Episcopale Italiana degli Assistenti ecclesiastici nazionali.
Articolo

L’impegno a costruire ponti

L'impegno quotidiano a "costruire ponti" da parte di tutti i gruppi AGESCI sul territorio nazionale è stato simbolicamente riconosciuto anche a livello europeo.
Articolo

Giornata dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Il 20 novembre si celebra la Giornata dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La data ricorda il giorno in cui l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò, nel 1989, la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.
Articolo

Don Giovanni Barbareschi: un ribelle per amore

Ad un mese dalla scomparsa ricordiamo Don Giovanni Barbareschi. E’ la storia di “uno scout diventato prete” come egli stesso amava definirsi, nato a Milano l’11 febbraio 1922.
Articolo

Papa Montini e il suo legame con lo scautismo

Lo scautismo cattolico deve molto a Giovanni Battista Montini - papa Paolo VI, che domenica 14 ottobre sarà proclamato Santo. Forse non tutti sanno che da giovane prete, Montini fu assistente del gruppo scout Roma 23, oggi Roma 63.
Articolo

Centenario del Roverismo, passo dopo passo

In occasione del Centenario del Roverismo, si terrà il 29-30 settembre prossimi a Bracciano il Convegno "Passo dopo passo, un secolo di strada". E' rivolto a Incaricati di Branca di Zona e Regionali, formatori R/S, capi campo ROSS e pattuglie regionali.
Articolo

L’AGESCI in azione a Genova, sempre #prontiaservire

A poca distanza dal tragico crollo del Ponte Morandi a Genova emerge una partecipazione commovente che mette in luce il tessuto sano di una città provata, ma sempre in grado di reagire con carattere e determinazione.